Se la scelta di porte e arredi, l’utilizzo di tecnologie avanzate e una corretta organizzazione degli spazi permette di costruire una esperienza appagante, è anche vero che rimanere aggiornati alle ultime tendenze è di fondamentale importanza. Seguire i trend più aggiornati non significa dover ristrutturare ogni anno gli ambienti del proprio hotel: stanze e camere possono rimanere al passo con i tempi aggiornando rifiniture, mobili e altri complementi d’arredo. Queste sono alcune delle tendenze che andranno per la maggiore nel 2019.

foto_1_2.jpg

Autenticità e tradizione italiana

Che si tratti di un boutique hotel, di un sobrio tre stelle o di un bed and breakfast, la strada da seguire per colpire i propri ospiti nel 2019 sarà quella dell’italianità. I viaggiatori che arrivano nel nostro paese si aspettano di trovare ambienti originali e moderni, che sappiano però richiamare le tipiche usanze italiane. Per questo motivo l’albergo del 2019 deve essere in grado di proporre decorazioni che coniughino identità e tecnologia.

Mobili e arredi sospesi, pareti attrezzate, porte in vetro e boiserie conferiscono in poco tempo un aspetto moderno alle camere, rendendo l’hotel più moderno senza snaturarne l’immagine.

foto_2_2.jpg

Il colore torna al centro degli ambienti interni

La parola d’ordine nell’utilizzo dei materiali sarà: contaminazione. Porte, decori e oggettistica proporranno sempre più varietà, a partire da differenti tipi di legno fino a includere metalli, materiali plastici e trasparenti. Al centro di tutto torna il colore. Secondo le tendenze 2019 del Pantone Color Institute (https://store.pantone.com/it/it/pantoneview-home-interiors-2018.html), nel 2019 i colori pastello lasceranno spazio a tinte decisamente più accese.

Da una parte rosso e arancio disegnano atmosfere Etno Chic che ben si coniugano con gli hotel che offrono aree benessere, mentre dall’altra bianco e azzurro consentono di realizzare ambienti dal sapore classico, adatti a ogni tipologia di struttura. Il colore va a incidere non solo su pareti e superfici orizzontali, ma anche su arredi, complementi ed elementi di contorno. Arricchire le proprie camere di porte in legno bianco (https://www.porteitaliane.com/porte-per-hotel/78-porta-hotel-rei-45-legno-anticata-art607b.html) e arredi in wengé, così, può rivelarsi la mossa vincente.

foto_3_2.jpg

Flessibilità di mobili e complementi

Il design di interni del 2019 è costituito da elementi flessibili. Gli ospiti si aspettano sempre di più esperienze in sistemazioni originali, più che semplici soggiorni in camere senza personalità. Per questo motivo i classici arredi, caratterizzati da una concezione statica, si evolvono fino a diventare vere e proprie piattaforme su cui costruire esperienze modulari, e caratterizzate da più utilizzi. Pareti attrezzate e boiserie ridisegnano gli spazi, mentre l’impiego della domotica consente di ottenere perfette condizioni di illuminazione in ogni contesto.

Flessibilità vuol dire anche maggiore impatto visivo, grazie anche all’utilizzo di colori più accesi. La zona notte, l’ingresso o il salotto di appartamenti e camere vengono così ripensati per offrire emozioni, più che una mera utilità materiale.

foto_4_2.jpg

Più informazioni, più comfort

Se l’arredo si fa più flessibile, il viaggio si fa più personale. All’interno dei temi più caldi del 2019, anche nel campo dell’arredo per hotel, rientra l’integrazione con le nuove tecnologie. L’ingresso di mobili sempre più “intelligenti” consente non solo di automatizzare alcuni processi legati alla gestione della temperatura e dell’illuminazione, ma anche di personalizzare l’esperienza. Grazie alla raccolta dei dati relativa all’utilizzo di sistemi informatici, anche in fase di prenotazione, è possibile plasmare l’intera offerta sulla base delle preferenze degli ospiti.

La camera d’hotel, in questo modo, arriva a riconoscere l’ospite, modificando il proprio comportamento in funzione di chi la sta occupando. La modularità dei layout e del design, la flessibilità di utilizzo dei mobili e i colori più accesi forniscono, così, l’esperienza definitiva.

foto_5_2.jpg

Un 2019 all’insegna dell’esperienza utente, quindi: gli hotel che sapranno adattarsi a questi cambiamenti, potranno veramente offrire qualcosa di speciale, che sarà apprezzato dagli ospiti.