1
Blog search

Porte interne come sceglierle, consigli e prezzi

Porte interne: quanto costano, quanto durano, quando cambiarle

Porte interne: quanto costano

Cambiare le porte interne di casa può essere un processo difficile da portare a termine. Per prima cosa, c’è da considerare lo stile della camera su cui si interviene. Poi va scelto il colore, la tipologia di infisso, le dimensioni e così via. Tutto ciò può rappresentare un ostacolo non da poco per chi non ha esperienza in materia. Per questo motivo, noi di Porte Italiane vogliamo darvi oggi alcune piccole dritte che vi consentiranno di saperne di più sul prezzo delle porte interne, quando è giusto cambiarle e quanto durano.

Quanto costano le porte interne?

I prezzi delle porte interne moderne variano in base a numerosi fattori. Tutto ciò è un gran vantaggio per il consumatore finale, perché significa che in commercio esistono proposte adatte a tutte le tasche. Nel concreto, il costo degli infissi viene determinato da:

· La tipologia di porta: una porta a battente in laminato tenderà ad avere un prezzo inferiore rispetto a una porta con vetro o porta a vetro. Una porta libreria o porta segreta costerà generalmente di più di una porta a libro, e così via. Le diverse tipologie di porte interne possiamo suddividerle in Porta a battente, Porta scorrevole, Porta in vetro. Naturalmente al variare della tipologia varia anche il prezzo della porta. Il prezzo finale compreso di trasporto ed iva varia da un minimo di € 150,00 fino ad arrivare alla porta vetro con un prezzo di € 800,00.

· I materiali e il colore: i serramenti offerti da Porte Italiane presentano differenti colorazioni e materiali. Ogni combinazione può proporre un costo differente, che si riverbera sul prezzo finale. Ciliegio, palissandro, wengè, laminato, noce: gli accostamenti sono tanti e adatti a ogni fascia di prezzo.

· Le misure: il prezzo delle porte interne è influenzato dalle misure del pannello, ed è facile capire perché. In linea di massima, un’anta di dimensione 60x210x11 cm (Larghezza x Altezza x Profondità), proporrà un costo minore di un battente grande 90x210x11 cm. È anche vero che le piccole variazioni, specie in larghezza, a volte non comportano un costo maggiore, perciò è sempre bene verificare le dimensioni del varco in cui si dovrà installare l’infisso.

· Maniglie e serrature: a seconda della tipologia di serramento, è possibile aggiungere accessori dotati di stili e funzionamenti differenti. Maniglie e serrature, pertanto, possono incidere sul prezzo anche in misura superiore al 10% del costo finale.

· L’aliquota IVA: è sempre necessario fare i conti con l’aspetto fiscale. Chi sceglie di cambiare le porte interne si ritroverà ad avere a che fare con un’aliquota IVA del 4% (in caso di nuova costruzione, costruzione di prima casa o ampliamento), 10% (restauro, risanamento o ristrutturazione), o 22%. Quest’ultima è l’aliquota ordinaria.

Quanto durano le porte interne?

Così come in molti altri casi, anche per gli infissi vale l’assunto che “la qualità paga”. In altre parole, per cambiare le porte interne di casa è necessario scegliere alternative di buona fattura. Decidere di risparmiare al momento dell’acquisto può sembrare una buona idea, ma presumibilmente porterà a costi maggiori nel tempo. Oltre alla , che va comunque eseguita, le porte di bassa qualità possono necessitare di interventi strutturali, se non della sostituzione di alcune parti.

Il prezzo delle porte interne, allora, generalmente è una buona misura non solo della qualità, ma anche della durata. Un infisso di ottimo livello può durare per decine di anni, e risultare funzionante come il primo giorno. Certo, in ogni momento è possibile cambiare serrature e cerniere, ma quello che conta è che la struttura primaria (telaio e battente) rimanga solida.

Porte interne a poco prezzo

Porte interne: quando cambiarle?

Nessun altro particolare di arredo viene utilizzato come le porte interne. Capire quando cambiarle, pertanto, risulta fondamentale. Ad esempio: nel momento in cui si rompe una porta, si potrebbe essere tentati dal sostituire anche quelle integre, per non perdere l’unità estetica. Ciò può essere corretto se la casa presenta uno stile ben marcato. Nelle altre circostanze, invece, è bene dare priorità alla sostituzione del singolo infisso.

Ancora, se si ha intenzione di creare un ambiente della casa particolarmente elegante, magari con boiserie e porte su misura, è sicuramente bene provvedere alla sostituzione di tutti gli infissi, in modo da uniformare l’aspetto generale. Se le porte di casa, invece, sono di tipo moderno, le opzioni sono maggiori. Il loro aspetto, spesso minimalista, consente una piacevole mescolanza di stili. Ecco che in questo caso, allora, la necessità di cambiare le porte interne diventa minore, perché la sostituzione anche di un solo infisso non va a inficiare l’estetica complessiva.

Porte interne dove acquistarle

Porte Italiane può aiutarvi a cambiare le porte interne di casa con la vendita di porte on line

Per cambiare le porte interne di casa, come visto, è necessario avere bene in mente lo stile che si vuole dare alla propria abitazione, spaziando dalle porte a battente alle porte con vetro. La durata degli infissi di alta qualità, infatti, è piuttosto lunga, e permette di ammortizzare il prezzo pagato in fase di acquisto.

Porte interne per la tua casa

Per qualsiasi dubbio o informazione, non esitate a contattare Porte Italiane: i nostri esperti sapranno rispondere a tutte le vostre domande!

Menu

Settings